[Fermati!] Non usare Autotune se non hai letto questo articolo!

Il titolo di questo articolo non mente. Se usi AutoTune e non hai letto fino in fondo questa pagina, la tua carriera musicale è a rischio. Infatti hai tra le mani una bomba che può esploderti in faccia o permetterti di conquistare il mercato discografico in pochi minuti.

Si parla di pochi minuti non per dire, perché quello è il tempo che impiega una canzone a diventare famosa al giorno d’oggi. Se hai fatto tutto bene, ovviamente.

Ma prima fammi indovinare.

Scommetto che sei o un rapper, o un cantante, o un producer, perché sicuramente mia madre non cliccherebbe su questo articolo. Scommetto anche che il tuo artista preferito americano utilizza AutoTune, e nemmeno te ne accorgi. E probabilmente la hit numero 1 in questo momento in classifica, ha AutoTune almeno su una voce.

Probabilmente non ti spieghi come sia possibile.

Forse hai provato anche tu e, come tutti, sei rimasto incagliato tra i mille comandi, che fanno in modo che “il suono si avvicina”, ma non del tutto. Sì, perché pur lavorando alle voci, o provando a registrare in molti studi, il tuo suono non è nemmeno lontanamente vicino a quello dei grandi artisti.

Certe volte suona innaturale, certe volte invece troppo “stonato”.

Questo perché ti mancano tre cose fondamentali.

Vorresti saperle? 

Aspetta, quanta fretta!

Facciamo prima un gioco.

Immagina per un attimo di essere il presidente degli Stati Uniti nel 2050.

Hai a disposizione un arsenale nucleare, capace di vincere la terza guerra mondiale in dieci secondi. Puoi controllare il mondo, puoi essere il più forte e utilizzare questa tua forza per cambiare le sorti del mondo in meglio.
Oppure potresti scatenare una catastrofe e cancellare l’umanità dalla terra.

Bello, vero? Solo che non sai bene come rispondere ai comunicati che ti arrivano dagli altri paesi. Molti stati avversari ti sfidano, e tu non sai mai se stanno bluffando, o se anche loro stanno per lanciarti una bomba a idrogeno e polverizzarti. Peggio ancora, ti hanno fatto vedere che c’è una stanza piena di comandi immediati all’interno della casa bianca, e c’è un pulsante per attivare l’attacco atomico. Solo che non sai quale sia, e non riesci a distinguerlo tra gli altri pulsanti nella sala comandi.

In pratica, non puoi sapere se stai premendo quello per farti portare il caffé… o quello per la distruzione della razza umana.

Come ti sentiresti? Avresti un po’ di pressione per questa grande responsabilità?
Ecco, AutoTune (e tutti gli strumenti di pitch-correction) lavorano allo stesso modo. Sono delle bombe a mano, capaci di fare i più grandi fuochi d’artificio, o di generare mostri terribili.

Per questo motivo, è tuo DOVERE sapere come funziona, in modo da padroneggiarlo per non farti distruggere la prossima volta che vorrai cantare un ritornello o aggiungere un po’ musicalità alla tua canzone.

Ora che ti ho fatto capire quanto sia importante la situazione, torniamo alle tre cose fondamentali che devi sapere.

Primo fondamentale: L’AutoTune è uno strumento ESATTO.

Vale a dire che, data una voce cantata in un certo modo, se il programma è regolato bene e impostato correttamente, allora il tune farà il suo lavoro sempre.

Qual’è il problema? Che ovviamente ci sono mille versioni, mille parametri che vanno impostati correttamente, e alcuni di questi non sono solo delle manopole da cliccare. In molti casi bisogna intervenire più a fondo con degli strumenti molto potenti, che non sono sempre software ma dipendono anche da come imposti il tuo timbro vocale.
E qui andiamo al…

Secondo fondamentale: la voce fa il 50% del lavoro.

La seconda cosa è che devi conoscere perfettamente come impostare la voce per AutoTune.

Infatti, per avere un timbro caldo alla Drake, o il sound pulito e fluttuante in stile PNL, non basta accendere il microfono, inserire AutoTune e cantare. Quello che tutti (e dico tutti) i novizi sbagliano è sempre lo stesso punto. Bisogna comprendere che tipo di voce va fatta per realizzare lo stile desiderato, e soprattutto, per creare il proprio stile, è necessario conoscere bene come funziona una voce con AutoTune.

Ho detto bene, creare il tuo stile. Quello che ti distingue tra 1000 altre persone.

Ti piacerebbe saperlo, vero? Vorresti poter mettere le mani su tutti i segreti utilizzati dai big della scena, e soprattutto poterti  permettere di cantare come fa il tuo rapper in cima alle classifiche, vero?
Beh, lo saprai presto. Ma solo se continui a leggere il…

Terzo fondamentale: i settaggi del programma sono come il pollice dell’imperatore.

Hai mai visto i film dei gladiatori che combattono nel Colosseo? Quando il gladiatore perde la spada, e viene sopraffatto dall’avversario, l’imperatore fa il gesto del pollice per decidere se tenere in vita il perdente o se ucciderlo?

Pollice in su, sei salvo. Pollice in giù, condannato.

Ecco, AutoTune è come l’imperatore alla fine del combattimento. Se sbagli una cosa, hai condannato la tua canzone a suonare amatoriale, o peggio ancora fastidiosa. E la cosa più critica è che non basta avere una bella voce, bisogna anche saper sfruttare a pieno tutte le impostazioni che ti offre il tuo programma.

Sai la differenza tra Autotune impostato su Chromatic, Minor, Major? E sai come far sparire lo scalino di AutoTune pur rimanendo intonati (se non si desidera l’effetto robotico)? Cosa cambia tra Autotune 5 o 7, EVO e Live? E che cos’è Melodyne? E come si installa? Come si fa a suonare come Travis Scott? Che settaggio usa Drake? Ma Sfera Ebbasta come fa ad avere quella voce?

Ti sto volutamente creando una gran confusione, ed effettivamente se non sai precisamente cosa fa ogni effetto, quali sono le voci da non tenere in considerazioni e quali invece utilizzare, AutoTune ti fa venire il mal di testa.

Per complicarti la cosa, AutoTune viene tuttora trattato come un segreto industriale. Non viene insegnato da nessuna parte, e per questo motivo il parallelo con i militari di prima non era affatto scontato.

Fortunatamente, questa cosa è finita.

Esatto.

Se lo vorrai, AutoTune non avrà più segreti per te.

Abbiamo infatti scritto il primo libro in Italia (e per quello che ci riguarda, unico in tutto il mondo per l’argomento che tratta) che parla e ti svela tutti i segreti dell’AutoTune. Se tu sei un producer o un rapper questo è l’unico libro specializzato sull’AutoTune per chi fa rap, ed è un libro che puoi comprare che parla e copre aspetti che nessun altro ti svelerà.

Ci scommettiamo quello che vuoi.

Le cose che ti spiegheremo non le riceverai da nessuno in giro, e sono delle vere e proprie miniere d’oro di consigli per l’impostazione vocale e di AutoTune come un pro.

Non è il tutorial sbagliato in inglese che ti fa impostare una scala generica che ti distrugge la canzone.
Qua si parla di tutto, dal rendere naturale una voce usando la tecnica dell’attacco calante, alla scelta corretta dell’impostazione vocale.

Le altre soluzioni ci sono, ma richiedono anni di studio del tune, e soprattutto anni di studio di registrazione, e sono tempi e soldi che non puoi permetterti se vuoi fare musica adesso.

Infatti non c’è solo la parte “teorica” del programma, ma ci sono dei tutorials pratici che coprono in ordine AutoTune, Melodyne, mixing, effetti particolari, e tutte le differenze per manipolare formanti, note, variazioni ecc…
E ci sono anche dei tutorial video che ti spiegano come usare la voce al livello dei pro.

Questo libro è stato condiviso dai più grandi della scena rap italiana, e sta riscuotendo ancora condivisioni.

Hai presente l’autore di Andiamo A Comandare, Che Ne Sanno i 2000?

Ecco, è lui. Col nostro libro versione cartacea (gli abbiamo spedito la versione in anteprima, ma puoi scaricare l’eBook che è più aggiornato e contiene anche dei video tutorials).

 

E invece lui è 3D, che ha lavorato con i più grandi artisti di Roma e non. 

Poi c’è Diluvio, Gabry Ponte, En?gma, Kaizén…

Loro li conoscono. Tu vuoi scoprirli?

 

 

Clicca qui per scoprire i capitoli, e acquistare qui il libro.

Attenzione: se lo acquisti, inizierai a mettere la quinta per arrivare al risultato.

Sappiamo che questo libro non è per tutti, altrimenti tutti sarebbero delle superstar e dei fenomeni. Questo libro va solo per chi vuole impegnarsi, a testa bassa, mentre sfreccia con la sua nuova Kawasaki e sorpassa gli altri rapper in bicicletta.

Le cose che ti spiegheremo non le riceverai da nessun altro libro, video o altre idiozie create in giro. Le pagine di questo prodotto sono delle vere e proprie miniere d’oro di consigli per l’impostazione vocale e di AutoTune come i
pro.

Se non sei ancora convinto, puoi restare nella tua beata ignoranza, guardare i tutorial sbagliati in inglese.
Oppure, dato che siamo buoni, lasciaci una mail qui sotto per ricevere gratuitamente delle anteprime del libro, quando ci andrà di mandartele.

PS: Se temi che le tue canzoni non escano bene quando entri in studio, fai bene ad avere paura. Basta sbagliare un’impostazione e un
settaggio, o toccare una manopola sbagliata, e la nostra canzone da “incredibile” diventa terribile.

PPS: E se io sono un cantante, cosa mi frega di sapere come si usa AutoTune? Il mio produttore se ne occupa!
Bene, allora hai due scelte: o impari come impostare la voce correttamente, o lo consigli al tuo produttore, e lui tanto si occuperà
di spiegarti come impostare la voce chiedendoti il doppio dei soldi. A te la scelta!

A presto!

WSHT & Akes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *